Crea sito

«Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre…»


  • Category Archives No profit e attivismo
  • Calcio – L’oppio del popolo

    Posted on by Celeritas

    Calcio: strumento usato e strumentalizzato da una nazione per distogliere l’attenzione dalle vere problematiche nazionali. Alla pari con la religione, il calcio può esser definito “L’oppio del popolo”, “il collante del popolo”,  se solo il 10% del tempo usato dai tifosi per il calcio fosse investito in qualcosa di piu utile o magari se solo il 10% della rabbia negli stadi fosse investita per arrabbiarsi con problemi piu seri, l Italia sarebbe una nazione migliore.

    Giocare a calcio è qualcosa di bello, è un gioco che crea passione, ma guardarlo lo rende inutile in quanto non si è protagonisti di ciò che si sta facendo e nella realtà calcistica di oggi l’agonismo nell’assistere la propria squadra in un senso sfrenato lo reputo inutile. I romani avevano il colosseo per far sfogare i cittadini mentre loro gli schiavizzavano, noi gli stadi.


  • I Dieci Comandamenti dell’Etica Razionale

    Posted on by Celeritas

    Questo documento, pubblicato anche su EticaRazionale.net col nome di “Vademecum dell’Etica Razionale”, può essere utilizzato da chiunque come riferimento etico per il proprio comportamento e come strumento di diffusione dell’etica razionale.

    Mi sono ispirato a “I nuovi dieci comandamenti atei” di Richard Dawkins, ai quali ho apportato molte modifiche formali e sostanziali cercando di ottenere un documento più completo, efficace, e accettabile da un maggior numero di persone. Ditemi voi se ci sono riuscito.

    1. Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te e cerca di ripagare gli altri e la società per quello che da loro hai avuto; non danneggiare nessuno, tranne nei casi in cui il danno sarebbe giustificato come difesa personale, protezione civile o applicazione della giustizia.

    2. Tratta tutti gli esseri umani con rispetto, lealtà, onestà ed equità, senza discriminare alcuna persona per motivi di razza, religione, orientamento sessuale, quoziente di intelligenza, aspetto fisico, salute, invalidità o classe sociale. Rispetta anche chi si comporta in modo disonesto o incivile, ma fa il possibile per impedirgli di nuocere a te e agli altri.

    3. Obbedisci alle leggi dello stato, mantieni gli impegni presi e compi responsabilmente i tuoi doveri; non tollerare che sia commesso il male da chiunque e contribuisci all’applicazione della giustizia sia come cittadino che come pubblico funzionario o eletto.

    4. Nei conflitti cerca una soluzione pacifica se possibile; evita atteggiamenti ostili o offensivi e non cercare di umiliare l’avversario; affronta le divergenze con calma e ragionevolezza e solo se un accordo o un compromesso è impossibile adotta le misure appropriate per difendere i tuoi interessi nel rispetto della legalità. (altro…)


  • La storia delle cose

    Posted on by Celeritas

    Annie Leonard ci spiega qual’è il problema della corsa al consumismo iniziata negli anni 50. L’uso e lo smaltimento di tutte le cose, nella nostra vita, ha un enorme impatto, ma la maggior parte di questo ciclo è nascosto alla nostra vista. Si ringrazia il progetto dePILiamoci a cura di Roberto Lorusso e Nello De Padova per la traduzione e il doppiaggio italiano.

    La storia dell’elettronica

    La storia dei cosmetici

    La storia dell’acqua in bottiglia


  • Le vignette di Maometto e il delirio del mondo musulmano

    Posted on by Celeritas

    Di seguito verrà citato un caso che espleta cosa può comportare l’eccessivo rispetto della società alla religione.

    Il caso è scoppiato nel febbraio del 2006 ed è apparso subito assurdo,a metà tra la farsa e la tragedia. Nel settembre del 2005, il quotidiano danese «Jyllands-Posten» aveva pubblicato dodici vignette raffiguranti il profeta Maometto. Nei successivi tre mesi, l’indignazione è stata sistematicamente alimentata in tutto il mondo islamico da un gruppetto di musulmani che risiedevano in Danimarca ed erano guidati da due imam cui era stato concesso asilo in quel paese.1 5  Alla fine del 2005 i malevoli esuli sono volati dalla Danimarca in Egitto con il loro dossier, che è stato copiato e diffuso in tutto il mondo islamico, compresa – nota bene l’Indonesia. Il documento conteneva false accuse alla Danimarca, cui si rinfacciava di avere trattato male i musulmani, e la bugia tendenziosa secondo la quale lo «Jyllands-Posten» sarebbe stato un giornale governativo. Il dossier comprendeva anche le dodici vignette,alle quali abilmente gli imam avevano aggiunto altre tre immagini di origine ignota, ma certo non danese. Diversamente dalle dodici originali, le tre supplementari erano davvero offensive o lo sarebbero state se, come sostenevano gli zelanti agita tori, avessero realmente raffigurato Maometto. La più offensiva di tutte non era una vignetta, ma la foto, inviata per fax, di un uomo barbuto con il volto coperto da una maschera da maiale. È poi risultata essere una foto dell’Associated Press che ritraeva uno dei concorrenti alla gara di grugniti suini di una fiera di campagna in Francia. 16  Non aveva il minimo nesso con il profeta Maometto, con l’islam e con la Danimarca, ma gli attivisti musulmani, andando al Cairo a seminare zizzania, hanno fatto capire che i tre nessi c’erano… con risultati prevedibili. (altro…)


  • Cosmos di Carl Sagan

    Posted on by Celeritas

    Cosmos è un libro di divulgazione scientifica sull’astronomia condotto dall’astrofisico e scrittore Carl Sagan negli anni ottanta negli Stati Uniti d’America. Cosmos uno dei migliori esempi di divulgazione culturale, trattando in modo rigoroso e non noioso temi scientifici. Carl Sagan (New York, 9 novembre 1934 — Seattle, 20 dicembre 1996) è stato un astronomo, divulgatore scientifico e autore di fantascienza statunitense. È stato uno dei più famosi astronomi ed astrochimici, del XX secolo. Lo si ricorda inoltre come grande divulgatore scientifico, come scrittore di fantascienza e come epistemologo in qualità di maggiore esponente dello scetticismo scientifico. Nel corso della sua vita Sagan pubblicò più di 600 tra articoli scientifici e articoli di divulgazione scientifica, e fu autore, co-autore o editore di più di 20 libri. Nelle sue opere ha frequentemente appoggiato l’analisi scettica, l’umanesimo secolare e il metodo scientifico. È stato uno dei fondatori del Progetto SETI per la ricerca delle intelligenze extraterrestri.

     

    LIBRO

    01 – Inizia il viaggio attraverso il cosmo

    02 – La vita nello spazio

    03 – L’informazione

    04 – Il futuro dell’umanità

    05 – Astronomia e astrologia

    06 – L’esplorazione spaziale

    07 – Nascita, vita e morte delle stelle

    08 – La nascita e il tipo di universo in cui viviamo

    09 – SETI, la ricerca di civiltà extraterrestri

    10 – I viaggi interstellari

    11 – Le catastrofi cosmiche

    12 – Marte, il pianeta rosso

     

    (edizione italiana a cura di Antonio Schiavone, agosto 1990)

     

    DOCUMENTARIO

    01 – Le spiaggie dell’oceano cosmico

    02 – Una voce nel concerto cosmico

    03 – L’armonia dei mondi

    04 – Paradiso e inferno

    05 – Blues per un pianeta rosso

    06 – Racconti di viaggiatori

    07 – La spina dorsale della notte

    08 – Viaggi nello spazio e nel tempo

    09 – La vita delle stelle

    10 – Sull’orlo dell’Eterno

    11 – La perseveranza della memoria

    12 – Enciclopedia galattica

    13 – Chi rappresenta la Terra?


  • Theo van Gogh – Ucciso da un musulmano per un cortometraggio

    Posted on by Celeritas

    Theo van Gogh

    In questo articolo voglio trattare l’omocidio di Theo van Gogh, un regista e pubblicista olandese( discendente del fratello del celebre pittore Vincent van Gogh), assasinato brutalmente da Mohammed Bouyeri, esponente del Gruppo Hofstad.

    Van Gogh fu assassinato il 2 novembre 2004 alle ore 8:45. Il suo assassino gli sparò otto colpi di pistola e successivamente gli tagliò la gola in pieno centro di Amsterdam per eseguire una fatwa legata alla pubblicazione del suo cortometraggio Submission.(“Sottomissione” di cui uno spezzone del cortometraggio a fine post )

     

    Gli inizi

    Theo iniziò la sua carriera da giornalista. attaccando duramente tutti i componenti che facessero ” parte del sistema” come i politici e i giornalisti che vivevano nella menzogna.

    In conseguenza di ciò, fu licenziato più volte dai vari giornali per i quali lavorava, ed infine costretto a scrivere esclusivamente nel suo sito, chiamato “De Gezonde Roker” (“Il fumatore in salute”).

    Submission

    Monumento a Theo Van Gogh ad Amsterdam.

    In seguito a ciò si avvicinò politicamente a Ayaan Hirsi Ali, una olandese di origini somale che si batte per l’emancipazione femminile nell’Islam, che scrisse la sceneggiatura del cortometraggio Submission, nel quale, tra l’altro, si vedono dei versi di una sura del Corano scritti sulla schiena della protagonista.

    L’assassino di van Gogh sparò a Van Gogh dapprima due volte e poi, dopo che il regista gli aveva detto “ma non ne possiamo parlare?” altre quattro volte.

    Nella pancia di van Gogh, dopo l’assassinio vennero piantati due coltelli, uno dei quali tratteneva un documento di cinque pagine con minacce ai governi occidentali, agli ebrei e a Hirsi Ali, e la donna da allora iniziò a vivere sotto stretta protezione.

    Da allora, il film è stato ritirato dalla proiezione dal suo produttore, Gijs van Vesterlaken, anche lui minacciato ripetutamente di morte, ma è comunque reperibile in Internet.

    E’ sicuramente una delle persone che ammiro in assoluto, anche se conosco poco di lui, riesco a collegarmi con la sua persona.Pensare a quegli attimi in cui stava per morire e quelle sue parole “ma non ne possiamo parlare?” mi fanno venire i brividi, e un pò di rabbia.Tenace fino alla fine, non ha neppure cercato davanti a quella morte certa una via di fuga nel negare quello che ha fatto ma anzi ironicamente ha lottato fino alla fine.

    Esempi del genere ne esistono davvero pochi, e sono poche le persone che se ne interessano.
    Non sò le altre persone, ma tu Theo rimmarrai sempre nella mia vita come una persona che ha potuto darmi l’esempio giusto ed aiutarmi nelle mie scelte.

    Addio e grazie Theo van Gogh.

    Di seguito un parte del cortometraggio.

     

     

     

    fonti: http://it.wikipedia.org/wiki/Theo_van_Gogh_%28regista%29


  • Sulla servitù moderna

    Posted on by Celeritas


    Sulla servitù moderna è un libro e un film documentario di 52 minuti prodotti in modo del tutto indipendente; il libro (e il DVD che contiene) è distribuito gratuitamente in alcune piazze alternative in Francia e in America Latina.

    L’obiettivo centrale di questo film è quello di smascherare la condizione dello schiavo moderno nel quadro del sistema totalitario mercantile e di rendere visibili le forme di mistificazione che occultano questa condizione servile. È stato realizzato con l’unico scopo di attaccare frontalmente l’organizzazione dominante del mondo. (altro…)


  • Cos’è lo scetticismo? ( di Carl Sagan )

    Posted on by Celeritas

    Titolo originale: The burden of skepticism da Skeptical Inquirer, vol. XII, n. 1, autunno 1987

    Cos’è lo scetticismo? Niente di esoterico. Lo incontriamo ogni giorno. Quando compriamo un auto usata, se siamo appena appena saggi eserciteremo i residui della nostra capacità di essere scettici: quella poca che la nostra educazione ci ha lasciato. Potreste dire: «Questa mi sembra una persona dall’apparenza onesta. Prenderò qualsiasi cosa mi offre». Oppure potreste dire: «Beh, ho sentito dire che occasionalmente, forse inavvertitamente, si usano piccoli inganni nella vendita di auto usate da parte del venditore» e poi potreste fare qualcosa. Dare un calcio ai copertoni, aprire le porte, guardare sotto il cofano (potreste fare questi movimenti anche se non sapete cosa debba esserci sotto il cofano, oppure potreste farvi accompagnare da un amico con la passione della meccanica). Sapete che un certo scetticismo è necessario, e capite perchè. È fastidioso essere in disaccordo con il venditore o chiedergli cose alle quali è riluttante a rispondere. Ma c’è una buona ragione, perchè se non esercitate un minimo di scetticismo, se avete un’assoluta irriducibile credulità, c’è probabilmente un prezzo che dovrete pagare più tardi. Allora desidererete aver fatto un piccolo investimento in scetticismo prima. Questa non è certo qualcosa che per essere compresa richieda quattro anni di scuole superiori. Chiunque lo capisce. Il problema è che un auto usata è una cosa, ma la pubblicità alla televisione o le dichiarazioni dei presidenti o dei capi di partito sono un’altra. Siamo scettici in certe aree, ma sfortunatamente non in altre.
    (altro…)



  • Segui Celeritas su Facebook

  • Commenti recenti

    LICENZA

    Licenza Creative Commons
    il Blog di Celeritas è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

    ©2017 Celeritas Entries (RSS) and Comments (RSS)  Raindrops Theme